News

lunedì 5 ottobre 2015   [ Sistemi di Gestione ]

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015

 

Al termine di un percorso di revisione che ha coinvolto esperti provenienti da tutto il mondo, sono state finalmente pubblicate le nuove attesissime versioni delle norme ISO 9001 e ISO 14001.
Che si parli di Gestione della Qualità o di Gestione dell'Ambiente, le Organizzazioni, certificate e non, hanno oggi a disposizione standard innovativi e al passo coi tempi.
 
“La ISO 9001 consente alle organizzazioni di adattarsi ad un mondo in continua evoluzione. Rafforza l'abilità dell'azienda di soddisfare i propri clienti e fornisce una base coerente per la crescita e il successo”
 
“Lo scopo della ISO 14001 è di mettere a disposizione delle Organizzazioni uno strumento per tutelare l'ambiente e rispondere a un contesto ambientale in evoluzione, tenendo presenti anche le loro esigenze socio-economiche".
 
E' così che ISO descrive l'obiettivo delle norme sul proprio sito.
 
Sta adesso alle Organizzazioni, intraprendere il percorso di aggiornamento al proprio interno, adeguandosi alle nuove indicazioni degli standard, o meglio approfittandone!
 
Quali sono le novità introdotte?
 
Incominciando dalla nuova ISO 9001:2015, è evidente lo sforzo della nuova norma nel riconoscere i cambiamenti di scenario.
La norma è più aperta alle aziende che erogano servizi: si parla di «prodotti e servizi» e non più soltanto di «prodotti» e in generale la scrittura del testo ha perduto l’originale impostazione legata al mondo del settore industriale. Alcuni requisiti, inoltre, sono stati semplificati per adattarli anche al mondo dei servizi.
Più in generale, la norma affronta la maggiore complessità del mercato attuale, in quanto tiene conto di aspetti quali le aspettative delle parti interessate (etica, sostenibilità, ...), la frammentazione delle catene di fornitura, etc.
 
La nuova ISO 9001:2015 vuole accrescere la fiducia del mercato verso le Organizzazioni certificate.
La norma innesta i processi di Gestione della Qualità nei processi di business veri e propri. I risultati del Sistema di Gestione si allineano ai risultati del business. E' inoltre rafforzato il coinvolgimento della Direzione poichè il vertice aziendale diventa il primo responsabile della gestione del Sistema e scompare la figura del Rappresentante della Direzione. La norma promuove l’approccio per processi nello sviluppo e gestione del Sistema, dando grande enfasi alla misura della loro efficacia.
 
La nuova ISO 9001:2015 vuole tener conto dei cambiamenti e delle prassi operative attuali.
Ad esempio, è lasciata libera scelta alle aziende su formato e contenuti della Documentazione del Sistema. Sparisce l’obbligo del Manuale della Qualità e delle Procedure documentate.
D'altro canto, grande enfasi è data alle risorse immateriali dell’Organizzazione e alla gestione delle conoscenze e della competenza delle persone.
Con l'obiettivo di gestire la maggiore complessità dei sistemi, il campo di applicazione del SG si estende a comprendere le funzioni e i processi esterni (outsourcing).
Il Sistema di Gestione diventa uno strumento di prevenzione. Non si parla più di «azioni preventive» poichè l’intero Sistema è costruito come strumento preventivo, grazie alla metodologia dell’analisi dei rischi. L'approccio alla gestione della qualità non si basa sul rispetto di specifici requisiti ma sulla valorizzazione del «Risk Based Thinking»
 
Infine, la nuova ISO 9001:2015 rientra nel percorso di allineamento delle norme ISO sui Sistemi di Gestione.
Adotta una terminologia semplificata, più traducibile e comune alle altre norme sui Sistemi di Gestione.
I requisiti della ISO 9001:2008 sono stati rivisitati e riscritti, per renderli più chiari e generali. E' stata adotatta la cosidetta “High Level Structure”, quale formato e modello di presentazione della norma, per favorire l'integrazione tra gli standard.
Cambia quindi l'Indice, la numerazione degli articoli, la successione logica degli argomenti.
 
 
Allo stesso modo, la nuova ISO 14001:2015 fa suo l'obiettivo di coerenza fra le norme dei Sistemi di Gestione. Adotta anch'essa la struttura di alto livello, con testo e terminologia comuni a favorire l'integrazione di differenti standard.Semplifica e chiarisce inoltre i requisiti.
 
La nuova ISO 14001:2015 dimostra una apertura della visuale verso nuovi contesti.
La norma tiene conto della maggiore complessità del mercato attuale (aspettative delle parti interessate, frammentazione delle catene di fornitura, etc.). La norma vuole raggiungere un bilancio tra ambiente, contesto sociale e contesto economico (i 3 pilastri della sostenibilità), introduce una prospettiva di life cycle e gestione del rischio e delle incertezze. Innesta, infine, il SGA nei processi veri e propri di business.
 
La nuova ISO 14001:2015 rivela un nuovo approccio di metodo.
I requisiti della nuova ISO 14001:2015, pur simili a quelli della ISO 14001:2004, sono ora collocati in un orizzonte diverso, determinato dall’allargamento della visuale e dall’adozione di un diverso approccio con cui identificarli e trattarli. Per impostare e attuare un Sistema di Gestione occorre tenere in considerazione le aspettative di tutte le parti interessate. Gli aspetti ambientali significativi e gli obiettivi sono identificati in una prospettiva del Ciclo di Vita del prodotto e del servizio. 
Le azioni, gli obiettivi, le pianificazioni del SGA devono scaturire dall’analisi dei rischi connessi alle attività, al sito, al
contesto dell’Organizzazione. Scopo principale di un Sistema di Gestione è quello di agire come strumento preventivo.

Al termine di un percorso di revisione che ha coinvolto esperti provenienti da tutto il mondo, sono state finalmente pubblicate le nuove attesissime versioni delle norme ISO 9001 e ISO 14001.

Che si parli di Gestione della Qualità o di Gestione dell'Ambiente, le Organizzazioni, certificate e non, hanno oggi a disposizione standard innovativi e al passo coi tempi.

“La ISO 9001 consente alle organizzazioni di adattarsi ad un mondo in continua evoluzione. Rafforza l'abilità dell'azienda di soddisfare i propri clienti e fornisce una base coerente per la crescita e il successo”

“Lo scopo della ISO 14001 è di mettere a disposizione delle Organizzazioni uno strumento per tutelare l'ambiente e rispondere a un contesto ambientale in evoluzione, tenendo presenti anche le loro esigenze socio-economiche".

E' così che ISO descrive l'obiettivo delle norme sul proprio sito.

 Sta ora alle Organizzazioni, intraprendere il percorso di aggiornamento al proprio interno, adeguandosi alle nuove indicazioni degli standard, o meglio approfittandone!

 

Quali sono le novità introdotte?

 Incominciando dalla nuova ISO 9001:2015, è evidente lo sforzo della nuova norma nel riconoscere i cambiamenti di scenario.

La norma è più aperta alle aziende che erogano servizi: si parla di «prodotti e servizi» e non più soltanto di «prodotti» e in generale la scrittura del testo ha perduto l’originale impostazione legata al mondo del settore industriale. Alcuni requisiti, inoltre, sono stati semplificati per adattarli anche al mondo dei servizi.

Più in generale, la norma affronta la maggiore complessità del mercato attuale, in quanto tiene conto di aspetti quali le aspettative delle parti interessate (etica, sostenibilità, ...), la frammentazione delle catene di fornitura, etc.

 La nuova ISO 9001:2015 vuole accrescere la fiducia del mercato verso le Organizzazioni certificate.

La norma innesta i processi di Gestione della Qualità nei processi di business veri e propri. I risultati del Sistema di Gestione si allineano ai risultati del business. E' inoltre rafforzato il coinvolgimento della Direzione poichè il vertice aziendale diventa il primo responsabile della gestione del Sistema e scompare la figura del Rappresentante della Direzione. La norma promuove l’approccio per processi nello sviluppo e gestione del Sistema, dando grande enfasi alla misura della loro efficacia.

 La nuova ISO 9001:2015 vuole tener conto dei cambiamenti e delle prassi operative attuali.

Ad esempio, è lasciata libera scelta alle aziende su formato e contenuti della Documentazione del Sistema. Sparisce l’obbligo del Manuale della Qualità e delle Procedure documentate.

D'altro canto, grande enfasi è data alle risorse immateriali dell’Organizzazione e alla gestione delle conoscenze e della competenza delle persone.

Con l'obiettivo di gestire la maggiore complessità dei sistemi, il campo di applicazione del SG si estende a comprendere le funzioni e i processi esterni (outsourcing).

Il Sistema di Gestione diventa uno strumento di prevenzione. Non si parla più di «azioni preventive» poichè l’intero Sistema è costruito come strumento preventivo, grazie alla metodologia dell’analisi dei rischi. L'approccio alla gestione della qualità non si basa sul rispetto di specifici requisiti ma sulla valorizzazione del «Risk Based Thinking»

Infine, la nuova ISO 9001:2015 rientra nel percorso di allineamento delle norme ISO sui Sistemi di Gestione.

Adotta una terminologia semplificata, più traducibile e comune alle altre norme sui Sistemi di Gestione.

I requisiti della ISO 9001:2008 sono stati rivisitati e riscritti, per renderli più chiari e generali. E' stata adotatta la cosidetta “High Level Structure”, quale formato e modello di presentazione della norma, per favorire l'integrazione tra gli standard.

Cambia quindi l'Indice, la numerazione degli articoli, la successione logica degli argomenti.

 

Allo stesso modo, la nuova ISO 14001:2015 fa suo l'obiettivo di coerenza fra le norme dei Sistemi di Gestione. Adotta anch'essa la struttura di alto livello, con testo e terminologia comuni a favorire l'integrazione di differenti standard.Semplifica e chiarisce inoltre i requisiti.

La nuova ISO 14001:2015 dimostra una apertura della visuale verso nuovi contesti.

La norma tiene conto della maggiore complessità del mercato attuale (aspettative delle parti interessate, frammentazione delle catene di fornitura, etc.). La norma vuole raggiungere un bilancio tra ambiente, contesto sociale e contesto economico (i 3 pilastri della sostenibilità), introduce una prospettiva di life cycle e gestione del rischio e delle incertezze. Innesta, infine, il SGA nei processi veri e propri di business.

La nuova ISO 14001:2015 rivela un nuovo approccio di metodo.

I requisiti della nuova ISO 14001:2015, pur simili a quelli della ISO 14001:2004, sono ora collocati in un orizzonte diverso, determinato dall’allargamento della visuale e dall’adozione di un diverso approccio con cui identificarli e trattarli. Per impostare e attuare un Sistema di Gestione occorre tenere in considerazione le aspettative di tutte le parti interessate. Gli aspetti ambientali significativi e gli obiettivi sono identificati in una prospettiva del Ciclo di Vita del prodotto e del servizio. 

Le azioni, gli obiettivi, le pianificazioni del SGA devono scaturire dall’analisi dei rischi connessi alle attività, al sito, alcontesto dell’Organizzazione. Scopo principale di un Sistema di Gestione è quello di agire come strumento preventivo.

 

 



Stampa



Newsletter

Desideri essere informato sui nostri corsi di formazione, eventi e news? Iscriviti alla newsletter!
Privacy e Termini di Utilizzo

Tra i nostri clienti